Passaporto online per vedere film e sport

BRUXELLES - Anche per i servizi a pagamento online arriva il passaporto europeo: dall'anno prossimo chi si sposterà temporaneamente da un Paese all'altro dell'Ue potrà vedere in streaming film, musica, partite e gare di Formula 1 come se fosse nel suo Paese di residenza. Questo il risultato dell'accordo raggiunto oggi tra Commissione, Parlamento e Consiglio Ue che dovrà ora essere approvato formalmente dalle istituzioni europee. Attualmente i cittadini che viaggiano da un Paese all'altro dell'Unione per qualsiasi motivo molto spesso, se non sempre, non possono usufruire dei servizi online a cui ci si è abbonati a causa di restrizioni sulla loro portabilità e per accordi di licenza esclusiva. Le regole su cui oggi è stato trovato l'accordo aboliranno queste restrizioni sia per i nuovi abbonati che per chi ha già sottoscritto servizi online che offrono la possibilità di seguire eventi sportivi, vedere film e programmi di intrattenimento, ascoltare musica, praticare giochi.

Per evitare abusi e un utilizzo illecito della nuova possibilità offerta agli utenti del web, le nuove norme consentiranno ai providers di adottare misure "ragionevoli e proporzione" per effettuare adeguati controlli elettronici nel rispetto della privacy.

L'intesa raggiunta oggi - che si inquadra negli interventi che hanno portato alla progressiva abolizione del roaming - dovrà ora essere formalmente approvata dalla commissione affari giuridici dell'Europarlamento, dall'assemblea e dal Consiglio Ue. Questo accordo " è un concreto beneficio per i cittadini europei e un passo importante nella rimozione delle barriere che ostacolano la realizzazione di un vero mercato unico digitale", ha commentato il commissario Ue competente Andrus Ansip. Nel 2016, secondo i dati di Bruxelles, il 64% degli europei ha utilizzato internet per esercitarsi con giochi o scaricare immagini, film e musica. Ma anche per seguire eventi sportivi e serie tv. Inoltre, ricorda la Commissione, un'indagine condotta nel 2015 aveva rilevato che un europeo su tre - uno su due considerando solo la fascia di età tra i 15 e i 39 anni - chiedeva la portabilità dei servizi online e la possibilità di accedervi quando si è in viaggio tra un Paese e l'altro dell'Unione. Il regolamento su cui è stata raggiunta l'intesa dà nove mesi di tempo a prividers e detentori dei diritti d'autore per prepararsi all'applicazione della nuova direttiva che la stessa Commissione prevede comunque entri in vigore all'inizio del 2018.

FONTE: Ansa.it

e-max.it: your social media marketing partner

Accesso Clienti

Visualizza i file, le offerte e le promozioni esclusive.
Il servizio è riservato ai Clienti.

Servizi Offerti

Media